Biocard: un'estensione del consenso?