Ridisegnare le mappe dell'incontro quale lavoro di cura con i migranti