Sorley MacLean: l'incanto della parola