La "prova d'opera" dalla commedia al libretto