«The time is out of joint». Gli spettri di W.G. Sebald