L'articolo analizza per la prima volta l'iconografia della Porta dei Bombardieri (1682), uno dei pochi monumenti barocchi veronesi, giustificandola, attraverso la lettura di inediti documenti, con la compagnia committente ed evidenziando, alla luce della critica artistica, la scarsa considerazione di cui ha goduto l'impresa sin dal Settecento.

Oltre l'effimero: la porta dei Bombardieri

ZAMPERINI, Alessandra
2006-01-01

Abstract

L'articolo analizza per la prima volta l'iconografia della Porta dei Bombardieri (1682), uno dei pochi monumenti barocchi veronesi, giustificandola, attraverso la lettura di inediti documenti, con la compagnia committente ed evidenziando, alla luce della critica artistica, la scarsa considerazione di cui ha goduto l'impresa sin dal Settecento.
Seicento; Verona; Iconografia; Bernardino Miglioranzi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/313011
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact