Osservazioni su Draconzio, Romul. VIII 11-23