Il ritmo: una Gestalt del movimento?