L’introduzione dell’amministrazione di sostegno ha relegato l’interdizione giudiziale e l’inabilitazione a istituti residuali, potendo, meglio di questi ultimi, far fronte alle concrete esigenze del soggetto «impossibilitato » a provvedere ai propri interessi. Più esplicitamente rispetto ai previgenti istituti di protezione, l’amministrazione di sostegno fa riferimento a interessi di natura sia patrimoniale sia personale. D'altra parte, diversamente dagli istituti dell'interdizione e della inabilitazione, si richiede non l'incapacità ma l'impossibilità di provvedere ai propri interessi. Ciò vuol dire che il nuovo istituto si può riferire anche a persone pienamente capaci di agire.

L'apertura dell'amministrazione di sostegno. I presupposti sostanziali

RUSCELLO, Francesco
2004

Abstract

L’introduzione dell’amministrazione di sostegno ha relegato l’interdizione giudiziale e l’inabilitazione a istituti residuali, potendo, meglio di questi ultimi, far fronte alle concrete esigenze del soggetto «impossibilitato » a provvedere ai propri interessi. Più esplicitamente rispetto ai previgenti istituti di protezione, l’amministrazione di sostegno fa riferimento a interessi di natura sia patrimoniale sia personale. D'altra parte, diversamente dagli istituti dell'interdizione e della inabilitazione, si richiede non l'incapacità ma l'impossibilità di provvedere ai propri interessi. Ciò vuol dire che il nuovo istituto si può riferire anche a persone pienamente capaci di agire.
Persone; Soggetti deboli; Amministrazione di sostegno; Presupposti
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/305951
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact