La "settimana avanti" e i "giorni addietro": sull'uso di elementi spaziali orientazionali per l'espressione della temporalità