Il "Fabulario" di Sebastian Mey tra intertestualita' e contestualizzazione