Note su gerundio e aggettivo avverbiale nella «Liberata»