"Tum breviter Dido voltum demissa profatur" (Aen. 1, 561): individuazione di un "cogitantis gestus" e delle sue funzioni e modalità di rappresentazione nell'Eneide