Scrittura ed immagini: un’ipotesi di restauro virtuale