Quanta mediocrità, piaggeria e "timidità" nella Parigi di Napoleone. Il severo giudizio di Girolamo Egidio Velo sulla "repubblica delle lettere".