Consenso informato: tra dovere etico e medicina difensiva