Nel segno della sconfitta: «L’Economista» tra 1883 e 1887.