La sentenza P.: una nuova frontiera dell'uguaglianza?