«E di cantare non può più finire». L'idillio negato di Antonia Pozzi