Le linee d'una mano: Italo Calvino e la memoria nelle «Città invisibili»