Disturbo d'ansia generalizzato: enigma clinico o questione di marketing?