"Sorrido e continuo a morire meglio che posso". Biagio Marin in alcune lettere (1952-1982) a Riccardo Maroni