L’influenza dell’“ode all’eternità” di Albrecht von Haller nella filosofia di Kant e di Hegel