Dal franco-veneto al veneto: un esercizio di autotraduzione?