Appalti pubblici e benefici statali tra logica sanzionatoria e promozionale