Funzione nomofilattica della Suprema Corte e criterio di buona fede