"Nonnulli presumptuosi". Due ducali ai rettori veronesi a proposito di studi universitari