Il nuovo, la tragedia, la storia. Sulle lettere di Pindemonte a Isabella