Vedere ed essere visti: la debolezza dello sguardo