Condannato all'ergastolo ammesso allo speciale programma di protezione e detenzione domiciliare: un freno alla applicazione "illimitata" dei benefici penitenziari nella linea di una preannunciata svolta legislativa.