L'estetico, la pittura e l' "evento-Caravaggio". A proposito di alcuni scritti di Guido D. Neri