Per una filosofia della percezione. Alcune considerazioni su Conoscenza e lavoro di Max Scheler