Alcune domande a Mark Scott, e tre poesie