La prestazione di lavoro tra assenze e (dis)equilibri familiari