Monadi, pieghe e specchi. Sul leibnizianesimo di Merleau-Ponty e Deleuze