La piega e il pensiero. Sull'ontologia di Merleau-Ponty