Sulla fenomenologia dell’identità e della contrarietà