Su un nuovo testimone della "Lettera del Prete Gianni"