A quattro anni dalla diagnosi del primo di caso di infezione da SARS-CoV-2 (severe acute respiratory syndrome coronavirus 2, allora denominato “2019-nCoV”) registrato nella metropoli cinese di Wuhan all’inizio di Dicembre 2019, molte cose sono cambiate nella genetica del virus, nel suo comportamento biologico, nella dinamica dell’infezione, nell’impatto clinico sull’ospite e, non ultimo, nell’approccio alla gestione della pandemia, compresi gli aspetti diagnostici nel loro complesso (screening, diagnosi, monitoraggio, sorveglianza epidemiologica e quant’altro).

COVID-19: imparare dal passato

Lippi, Giuseppe
;
Mattiuzzi, Camilla
2023-01-01

Abstract

A quattro anni dalla diagnosi del primo di caso di infezione da SARS-CoV-2 (severe acute respiratory syndrome coronavirus 2, allora denominato “2019-nCoV”) registrato nella metropoli cinese di Wuhan all’inizio di Dicembre 2019, molte cose sono cambiate nella genetica del virus, nel suo comportamento biologico, nella dinamica dell’infezione, nell’impatto clinico sull’ospite e, non ultimo, nell’approccio alla gestione della pandemia, compresi gli aspetti diagnostici nel loro complesso (screening, diagnosi, monitoraggio, sorveglianza epidemiologica e quant’altro).
2023
COVID-19, Laboratory Medicine, SARS-CoV-2
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1115152
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact