Il contributo si sofferma sull’amministrazione della giustizia degli scolari nello Studio di Padova durante l’ultima fase della Repubblica di Venezia. Rilevante problema di ordine pubblico, ancora nel secondo Settecento l’indisciplina studentesca continuò a essere oggetto di processi criminali e di provvedimenti disciplinari, alimentando lo stereotipo degli scolari violenti e delle città universitarie come luoghi di frequenti disordini. A tale complessità culturale e giurisdizionale, il presente contributo si propone di guardare a partire da alcuni processi contro scolari celebrati nella cancelleria pretoria padovana sotto i reggimenti dei capitani Giacomo Nani e Alvise Mocenigo (1780-1783). La lettura delle fonti qui presentate, pur limitate cronologicamente, permetterà di tracciare un percorso che attraversa, in primo luogo, i rapporti tra la giustizia centrale del Consiglio di Dieci e la locale giustizia ordinaria; in secondo luogo, gli equilibri tra le ragioni della sanzione penale e quelle della giurisdizione speciale riconosciuta agli studenti, di competenza della magistratura dei Riformatori dello Studio; in terzo luogo, le diverse tipologie di indisciplina affrontate dalla giustizia degli studenti: «di gruppo» e individuale.

La giurisdizione degli scolari padovani tra giustizia ordinaria e Riformatori dello Studio nel secondo Settecento

Tommaso Scaramella
2022

Abstract

Il contributo si sofferma sull’amministrazione della giustizia degli scolari nello Studio di Padova durante l’ultima fase della Repubblica di Venezia. Rilevante problema di ordine pubblico, ancora nel secondo Settecento l’indisciplina studentesca continuò a essere oggetto di processi criminali e di provvedimenti disciplinari, alimentando lo stereotipo degli scolari violenti e delle città universitarie come luoghi di frequenti disordini. A tale complessità culturale e giurisdizionale, il presente contributo si propone di guardare a partire da alcuni processi contro scolari celebrati nella cancelleria pretoria padovana sotto i reggimenti dei capitani Giacomo Nani e Alvise Mocenigo (1780-1783). La lettura delle fonti qui presentate, pur limitate cronologicamente, permetterà di tracciare un percorso che attraversa, in primo luogo, i rapporti tra la giustizia centrale del Consiglio di Dieci e la locale giustizia ordinaria; in secondo luogo, gli equilibri tra le ragioni della sanzione penale e quelle della giurisdizione speciale riconosciuta agli studenti, di competenza della magistratura dei Riformatori dello Studio; in terzo luogo, le diverse tipologie di indisciplina affrontate dalla giustizia degli studenti: «di gruppo» e individuale.
Università di Padova (sec. XVIII), Indisciplina studentesca, Processi criminali, Violenza studentesca
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
1127-8250-38004-10.pdf

solo utenti autorizzati

Descrizione: annali
Tipologia: Versione dell'editore
Licenza: Copyright dell'editore
Dimensione 1.68 MB
Formato Adobe PDF
1.68 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1069386
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact