L’emergenza legata al coronavirus ha comportato un ampio ridisegno delle modalità di lavoro, obbligando ad avvalersi in modo più intensivo ed estensivo delle tecnologie digitali. Lo smart working, emerge come occasione per il ripensamento di mentalità e modalità organizzative, aprendo enti, aziende e lavoratori a nuove possibilità di armonizzare esigenze di flessibilità e autonomia, di produttività e sostenibilità. Ciò presuppone prospettive di pensiero e modelli organizzativi, preludio di un rinnovamento che, non può affidarsi a logiche emergenziali. Piuttosto, tale renaissance richiede il convergere di due profili: l’uno, rivolto al presente, di analisi del fenomeno; l’altro, rivolto al futuro, riguardante la vision sugli scenari di sviluppo. Entrambi vanno coltivati nella consapevolezza di potenzialità, limiti e criticità del lavoro “agile”. Così inteso, questo contesto di riflessione risulta luogo ideale di indagine per la conciliazione di lavoro, vita familiare e comunità sociale, nonché per comprendere l’impatto di tecnologie e modelli organizzativi sulla vita comunitaria, tutti fattori decisivi sul welfare delle contemporanee società complesse. Conciliazione e armonizzazione si rivelano dunque parole chiave dell’analisi qui condotta, che in chiusura trarrà spunti di pensiero da modelli e metodologie tipici degli approcci di conflict resolution e conflict transformation.

Oltre l’emergenza. Lo smart working in una prospettiva allargata di conciliazione del lavoro con altri ambiti relazionali di persone e comunità: un percorso interdisciplinare

f. perali;
2020-01-01

Abstract

L’emergenza legata al coronavirus ha comportato un ampio ridisegno delle modalità di lavoro, obbligando ad avvalersi in modo più intensivo ed estensivo delle tecnologie digitali. Lo smart working, emerge come occasione per il ripensamento di mentalità e modalità organizzative, aprendo enti, aziende e lavoratori a nuove possibilità di armonizzare esigenze di flessibilità e autonomia, di produttività e sostenibilità. Ciò presuppone prospettive di pensiero e modelli organizzativi, preludio di un rinnovamento che, non può affidarsi a logiche emergenziali. Piuttosto, tale renaissance richiede il convergere di due profili: l’uno, rivolto al presente, di analisi del fenomeno; l’altro, rivolto al futuro, riguardante la vision sugli scenari di sviluppo. Entrambi vanno coltivati nella consapevolezza di potenzialità, limiti e criticità del lavoro “agile”. Così inteso, questo contesto di riflessione risulta luogo ideale di indagine per la conciliazione di lavoro, vita familiare e comunità sociale, nonché per comprendere l’impatto di tecnologie e modelli organizzativi sulla vita comunitaria, tutti fattori decisivi sul welfare delle contemporanee società complesse. Conciliazione e armonizzazione si rivelano dunque parole chiave dell’analisi qui condotta, che in chiusura trarrà spunti di pensiero da modelli e metodologie tipici degli approcci di conflict resolution e conflict transformation.
conciliazione famiglia-lavoro-comunità, conflict-resolution/transformation, covid-19, organizzazione del lavoro, produttività, smart working
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1064241
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact