Studio avverte: troppo criptici i "descrittori" del vino