Il fascino discreto della filologia. Ancora su Hölderlin e l’idealismo tedesco