Il saggio si concentra sul problema della libertà in Jakob Böhme (1575-1624), indagando alcuni luoghi testuali in cui tale problema assume una consistenza preponderante. Emerge la concezione di una "libertà senza essenza" (Freyheit ohne Wesen), propria del fondamento senza-Fondo della realtà, la cui potenza risuona nella ruota delle essenze. Si problematizza, allora, la condizione di possibilità della libertà individuale, partendo dal riconoscimento dell'anima umana come infinita emanazione divina. Infine, si accenna all'eco che tale concezione della libertà ha avuto in due pensatori tedeschi moderni, Friedrich Schelling e Martin Heidegger.

Un volere infondato: Jakob Böhme sulla libertà

Boi, Ludovica
2021

Abstract

Il saggio si concentra sul problema della libertà in Jakob Böhme (1575-1624), indagando alcuni luoghi testuali in cui tale problema assume una consistenza preponderante. Emerge la concezione di una "libertà senza essenza" (Freyheit ohne Wesen), propria del fondamento senza-Fondo della realtà, la cui potenza risuona nella ruota delle essenze. Si problematizza, allora, la condizione di possibilità della libertà individuale, partendo dal riconoscimento dell'anima umana come infinita emanazione divina. Infine, si accenna all'eco che tale concezione della libertà ha avuto in due pensatori tedeschi moderni, Friedrich Schelling e Martin Heidegger.
German philosophy, Mysticism, Freedom
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Informazione FilosoficaNr.5-2021_ (2).pdf

accesso aperto

Licenza: Creative commons
Dimensione 299.63 kB
Formato Adobe PDF
299.63 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11562/1057238
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact