Il virus, la cosa, il reale e l’impossibile. Ovvero, dell’anno in cui i soldi non si chiedono ma si danno