Vulnerabilità gloriosa. Il corpo cristologico come eccedenza del corpo sofferente e morto