Di fronte al dilagare della destra populista in Italia e in Europa, ho proposto, all'interno del Grande Seminario di Diotima 2018, una lettura filosofica del fenomeno attraverso Simone Weil, Hannah Arendt e Jean-Luc Nancy. Tre autori e tre sbilanciamenti verso la politica della differenza sessuale possono aprire una via che fondi la narrazione nell'esperienza e radichi nuovamente il discorso politico alla realtà.

Qualcosa di nuovo sul fronte occidentale

Diotto Caterina
Writing – Original Draft Preparation
2019

Abstract

Di fronte al dilagare della destra populista in Italia e in Europa, ho proposto, all'interno del Grande Seminario di Diotima 2018, una lettura filosofica del fenomeno attraverso Simone Weil, Hannah Arendt e Jean-Luc Nancy. Tre autori e tre sbilanciamenti verso la politica della differenza sessuale possono aprire una via che fondi la narrazione nell'esperienza e radichi nuovamente il discorso politico alla realtà.
Simone Weil
Hannah Arendt
Jean-Luc Nancy
Luisa Muraro
Marco Revelli
Italian feminism
Populism
Teoria della narrazione
Filosofia politica
Pensiero della differenza
Populismo
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Caterina-Diotto-Qualcosa-di-nuovo-sul-fronte-occidentale-1 copia.pdf

accesso aperto

Descrizione: Articolo completo
Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: Creative commons
Dimensione 249.92 kB
Formato Adobe PDF
249.92 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11562/1052200
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact