Quando la pandemia non basta per giustificare: sciopero di protesta e servizi essenziali