Annie Ernaux: per una poetica autosociobiografica della vergogna