Dal sociale al comune? Per una traduzione della libertà arendtiana